Campagna pubblicitaria Uaar su bus Genova

Andare in basso

Campagna pubblicitaria Uaar su bus Genova

Messaggio Da Odino il Ven Gen 16, 2009 9:04 pm

Con un po di ritardo vi posto il testo di questa interessante iniziativa.

dal sito uaar:

Campagna Bus

L’idea dei bus “atei” è stata della British Humanist Association, ed è stata poi ripresa negli Stati Uniti, in Australia, in Spagna. È ora venuto il momento dell’Italia: l’UAAR è pronta a fare la sua parte in questa iniziativa ormai mondiale di promozione dell’incredulità.

«La cattiva notizia è che Dio non esiste. Quella buona, è che non ne hai bisogno». Il messaggio scelto dall’UAAR è stato ideato in Italia: è un messaggio che vuole invitare a riflettere, con l’aggiunta di un pizzico di fiducia e ottimismo in chiave umanista. Un messaggio che vuole evidenziare la praticabilità di un’etica senza dogmi, in un Paese dove da ogni parte si avverte la pervasività della presenza cattolica.

Proprio per questo motivo, l’UAAR ha deciso di organizzare la sua campagna a Genova, la diocesi guidata dal presidente della Conferenza Episcopale Italiana. Nulla di male in questo, ovvio: la Chiesa ha e deve continuare ad avere libertà di parola. Purché vi sia adeguato spazio anche per chi cattolico non è. L’UAAR intende, pagando questa campagna pubblicitaria, riconquistare all’incredulità un po’ di quella par condicio che i mass media stentano a riconoscerle. Vuole anche ricordare alle autoritità politiche che non è così indispensabile dire sempre sì alle gerarchie ecclesiastiche, che anche i non credenti sono cittadini come gli altri e che la laicità dello Stato è un principio costituzionale. “Promemoria” tanto più necessario a Genova, dove c’è chi vuole addirittura non concedere l’autorizzazione allo svolgimento del Gay Pride Nazionale, con l’incredibile motivazione che coinciderebbe con la festa cattolica del Corpus Domini.

Gli atei e gli agnostici italiani sono milioni, dicono le inchieste sociologiche. Nel loro stesso interesse, è tempo che escano dal silenzio e facciano percepire alla popolazione italiana la loro consistenza. La nostra campagna ha anche questo obbiettivo. Ma, perché abbia successo, è indispensabile che i non credenti italiani diano il loro contributo.

La cosa ha avuto grande risalto, ne hanno parlato vari Tg (tg1, tg2, tg3, tg5, studio aperto), vari giornali (corriere sera, repubblica, il secolo XIX), siti stranieri (Friendly atheits, BHA), varie emittenti radiofoniche (radio24), televisioni locali ed un incredibile numero di blog.

La campagna purtroppo è stata bloccata con dei cavilli:
Bloccati gli ateibus genovesi: vietato dire che Dio non esiste
Ateobus bloccati: le motivazioni
ciò nonostante questo darà ancora maggior risalto e visibilità mediatica.
Un enorme successo da pubblicizzare.

saluti
Luigi
avatar
Odino
Sacerdote
Sacerdote

Maschio Numero di messaggi : 29
Località : Benevento
Livello Dawkins : 7
Data d'iscrizione : 14.11.08

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum