Pera e Ratzinger contro la laicità.

Andare in basso

Pera e Ratzinger contro la laicità.

Messaggio Da capricorno il Dom Nov 30, 2008 12:36 pm

GLI ARTICOLI DI "LAICAMENTE"

"Dialogo tra Marcello Pera e Joseph Ratzinger. Perfomance pubblica in due Atti. Il Primo Atto? Le due rispettive conferenze sulle “radici cristiane dell’Europa”, tenute in rapida successione da Pera, allora presidente del Senato, alla Pontificia Università Lateranense, il 12 maggio 2004, e da Ratzinger, allora Prefetto della Fede, nella Sala del Capitolo del Senato, il 13 maggio 2004. Due alti rappresentanti politici, dello Stato italiano e dello Stato Vaticano, ospitati l’uno dalle strutture istituzionali dell’altro. Uno scambio combinato, frutto di un’abile messinscena e di un’occulta regia? Oppure mera casualità, come giurava Pera? Indubitabile comunque la convergenza dei due discorsi. Pera rivendicava, come Ratzinger, le “radici cristiane” e antirelativistiche dell’Europa, invocando, elmo in testa, la “guerra” (non solo culturale) contro l’islam. Ratzinger, a sua volta, invitava l’Europa a ricongiungersi al suo passato cristiano, aprendo le porte al “reingresso di Dio [= della Chiesa gerarchica romana] nella sfera pubblica politica”. Due tattiche, diverse e complementari, contro l’Europa laica e liberaldemocratica.
Oggi. Secondo Atto del Dialogo. Gli argomenti sono più avanzati. Pera, non più presidente del Senato e non più senatore: “Perché dobbiamo dirci cristiani”. Ratzinger, nel frattempo divenuto papa Benedetto XVI: “Non v’è liberalismo senza Dio” (come ha titolato il “Corriere della sera” di oggi la lettera papale pubblicata in apertura al nuovo libro dell’ex senatore). La vecchia convergenza è quasi diventata identità di vedute.
Per Pera «dobbiamo dirci cristiani» perché tutti i valori moderni, liberali e democratici, derivano dal cristianesimo; un “liberalismo anticristiano” sarebbe un controsenso disfattista; dunque in ogni questione (dalla bioetica all’immigrazione e alla multiculturalità) non si può che o essere cristiani (se si ha la fede), o agire come se lo fossimo (veluti si Christus daretur). Non c’è via di mezzo. Dunque, gli islamici, o altrimenti credenti, vanno ributtati in mare, o ridotti a minoranze silenziose, ininfluenti? I non-cristiani e non-credenti messi alla gogna? Chi si oppone ai diktat vaticani, come Beppino Englaro, è il nuovo eretico? I medici abortisti vanno isolati e magari perseguiti penalmente? E i farmacisti che vendono i contraccettivi? E gli scienziati che “non mettono il lucchetto [pontificio] al loro cervello” (Rita Levi Montalcini)? E le coppie di fatto? È chiaro: la liberaldemocrazia di Pera è la vecchia teocrazia riverniciata. Sarebbe il caso di dire, se non fossimo laici, anzi laicisti: Dio ce ne guardi!
Benedetto XVI nella sua breve lettera approva e radicalizza ulteriormente le tesi dell’ex senatore. «Dio è il fondamento della libertà»; dunque, senza Dio, che è fondamento (ma chi o dov’è il fondamento del fondamento del fondamento?), non c’è libertà, né teoria liberale della libertà. Né, di conseguenza, i diritti umani, civili e politici, che dal liberalismo prendono avvio. Un Dio fondamentalista! O con me o contro di me! «Un vero dialogo interreligioso non è possibile. La fede non si può mettere tra parentesi. Le decisioni religiose di fondo esulano dal confronto pubblico»; solo un «dialogo interculturale» è possibile. Ma se è così, ogni credente è intrappolato nella gabbia delle proprie Verità di fede. Il dialogo interculturale diventa una farsa. Oppure si risolve in tragedia. Dalle premesse delle proprie Verità di fede, ogni religione ricava le proprie Verità politiche ed etiche. Sulle quali, se manca l’accordo, non può esserci che conflitto e “guerra”. E su matrimonio, adulterio, sessualità, scuole e insegnamento, legislazione politica e civile, non sempre si è d’accordo. Chi ha ragione?
Per lo Stato laico, liberaldemocratico, la libertà, anche religiosa, è possibile, se c’è pluralismo. E il pluralismo è possibile, quando lo Stato non parteggia per nessun Dio. Se Dio, qualsiasi Dio, è tenuto fuori dalla politica. Libere le religioni, ma nel quadro democratico-costituzionale del rispetto dei diritti di tutti e di ciascuno.
Senza leggi ad personam, nemmeno religiose."

Siamo alle solite, papa Ratzinger che incalza nel suo incedere oscurantista a senso unico con un dio fondamentalista che detta le regole del convivio civile, ed un politico, Pera che gli scodinzola intorno come un cagnolino con il proprio padrone affermando che la nostra civiltà non può prescindere dai valori cristiani, anzi aggiungendo che tutti i valori si fondano solo ed esclusivamente sul cattolicesimo, dimenticando in maniera vergognosa, visto il ruolo che ha rivestito nelle istituzioni, che il nostro paese e la nostra Costituzione sono fondati sulla laicità, un valore universale sconosciuti però a queste menti sapienti, se però il papa cerca di portare acqua al proprio mulino, l'atteggiamento di Pera è francamente inopportuno e di parte.
avatar
capricorno
Monsignore
Monsignore

Maschile Numero di messaggi : 37
Livello Dawkins : 7
Data d'iscrizione : 14.11.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pera e Ratzinger contro la laicità.

Messaggio Da nihil il Dom Nov 30, 2008 1:11 pm

capricorno ha scritto:
Per Pera «dobbiamo dirci cristiani» perché tutti i valori moderni, liberali e democratici, derivano dal cristianesimo
Ovviamente nel dire "dobbiamo" lui non ci vede alcun obbligo o diktat. Rispetto dei pensieri altrui 0. Boh, sembra che certe persone parlino senza sapere che ciò che si dice può implicare altri concetti. Eppure non credo sia difficile da capire.
Il bello è che poi parla del cristianesimo come portatore di ideali liberali e democatici.
Alla faccia del bicarbonato di sodio...

Ah...di quell'altro inutile proprio parlarne...

_________________
Dio:
- o non esiste
- oppure è un concetto così inarrivabile, incolmabile di vero significato, da poter essere escluso dalla nostra vita
avatar
nihil
Admin

Maschile Numero di messaggi : 62
Livello Dawkins : 6
Data d'iscrizione : 12.11.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pera e Ratzinger contro la laicità.

Messaggio Da capricorno il Dom Nov 30, 2008 7:31 pm

nihil ha scritto:
capricorno ha scritto:
Per Pera «dobbiamo dirci cristiani» perché tutti i valori moderni, liberali e democratici, derivano dal cristianesimo
Ovviamente nel dire "dobbiamo" lui non ci vede alcun obbligo o diktat. Rispetto dei pensieri altrui 0. Boh, sembra che certe persone parlino senza sapere che ciò che si dice può implicare altri concetti. Eppure non credo sia difficile da capire.
Il bello è che poi parla del cristianesimo come portatore di ideali liberali e democatici.
Alla faccia del bicarbonato di sodio...

Ah...di quell'altro inutile proprio parlarne...
Ciò che da maggiormente fastidio è che a parlare oltre al papa col suo passato inquisitore, è un ex presidente del Senato, quindi super partes istituzionale che si fa beffe della Costituzione quale porta valori di una sana laicità a cui ogni cittadino può e deve identificarsi nel percorso di libertà democratica e di difesa del pluralismo.
Sono due perfetti idioti, ma uno lo è più dell'altro e mi riferisco a Pera.
avatar
capricorno
Monsignore
Monsignore

Maschile Numero di messaggi : 37
Livello Dawkins : 7
Data d'iscrizione : 14.11.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pera e Ratzinger contro la laicità.

Messaggio Da davide il Dom Nov 30, 2008 11:30 pm

Pera è un pretaccio mancato, ed è uno scandalo che una persona come lui sia stata il nr 2 della Repubblica. Anzi no, non è uno scandalo, con questo tipo di governo è perfettamente normale Evil or Very Mad
avatar
davide
Monsignore
Monsignore

Maschile Numero di messaggi : 53
Età : 44
Località : Varese
Livello Dawkins : 6,5
Data d'iscrizione : 14.11.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pera e Ratzinger contro la laicità.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum